Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni prendi visione della nostra informativa Privacy e Cookies


Accetto


testata testata

Fai il test dell'udito online

Semplici passi per scoprire se hai dei problemi di deficit uditivo.

Sai come funziona l'orecchio?

Sai come funziona l'orecchio?

L’Orecchio, benchè piccolo, è un organo molto
complesso. Trasforma tutti i suoni udibili
in accurate informazioni codificate dal cervello.

L’Orecchio, benchè piccolo, è un organo molto
complesso. Trasforma tutti i suoni udibili
in accurate informazioni codificate dal cervello.

hear

orecchio esterno

orecchio esterno

È composto dal padiglione e dal condotto uditivo. Il padiglione grazie alla sua conformazione, raccoglie le onde sonore e le convoglia nel condotto uditivo, verso il timpano, mettendolo in vibrazione come la pelle di un tamburo.

orecchio medio

orecchio medio

Comprende il timpano, il martello, l’incudine e la staffa. Il timpano riceve le onde sonore e le trasmette alla catena dei tre minuscoli ossicini, amplificandole e convogliandole nell’orecchio interno.

orecchio interno

orecchio interno

È composto da coclea e nervo acustico. Le onde sonore arrivano alla coclea e mettono in movimento il fluido in essa contenuto, che stimola le cellule sensoriali e genera impulsi elettrici che attraverso il nervo acustico arriveranno al cervello per essere elaborati, decodificati e interpretati.

COS'È L'IPOACUSIA?

COS'È L'IPOACUSIA?

L’ipoacusia è l’indebolimento della trasmissione del suono, a causa di malattie o alterazioni a carico dell’orecchio e può essere lieve, media, grave o profonda. Può essere solo temporanea oppure permanente e in base alla sede dell’anomalia si definisce trasmissiva, neurosensoriale o mista.

Il grado dell'IPOACUSIA

Il grado dell'IPOACUSIA

LIEVE

Non si percepiscono i suoni deboli; in un ambiente rumoroso si fa fatica a comprendere il parlato.

MEDIA

Non si percepiscono i suoni deboli e quelli di media entità; particolarmente difficile capire il parlato, soprattutto in presenza di rumore di fondo.

GRAVE

Si riesce a conversare solo a voce alta; le conversazioni in gruppo sono possibili solo con grande sforzo.

PROFONDA

Non si sentono alcuni rumori molto forti; la comunicazione non è più possibile senza apparecchio acustico.

Anche se la perdita dell’udito è una conseguenza naturale del processo di invecchiamento, è sbagliato pensare che coinvolga soltanto le persone anziane. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l’ipoacusia colpisce più di 250 milioni di persone in tutto il mondo e più della metà di loro ha un’età compresa tra 0 e 65 anni.

Anche se la perdita dell’udito è una conseguenza naturale del processo di invecchiamento, è sbagliato pensare che coinvolga soltanto le persone anziane. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l’ipoacusia colpisce più di 250 milioni di persone in tutto il mondo e più della metà di loro ha un’età compresa tra 0 e 65 anni

Tipo di IPOACUSIA

Tipo di IPOACUSIA

  • TRASMISSIVA

    È causata da tutte le alterazioni che potrebbero compromettere la trasmissione delle onde sonore attraverso l’orecchio esterno e l’orecchio medio; coinvolgono quindi timpano e ossicini e provocano la diminuzione dell’intensità con cui il suono raggiunge la coclea. Le perdite uditive trasmissive si manifestano a tutte le età, costituiscono circa il 35% di tutte le cause di sordità e si possono risolvere con trattamenti medici, chirurgici o più semplicemente con gli apparecchi acustici.

    Neurosensoriale >

  • NEUROSENSORIALE

    In questo caso la sordità è a carico dell’orecchio interno; si manifesta quando la coclea e/o il nervo acustico inviano informazioni distorte ed incomplete al cervello. in questo tipo di perdita la discriminazione delle parole è spesso difficoltosa. Le ipoacusie neurosensoriali si dividono in due grandi gruppi:

    Cocleari: determinate da processi patologici dell’orecchio interno, normalmente non sono curabili con terapia medica e difficilmente sono risolvibili con interventi chirurgici; invece possono essere e cacemente corrette con apparecchi acustici.

    Retrococleari o centrali: dovute a lesioni del nervo acustico e delle vie centrali. Solitamente non trovano adeguata soluzione nella terapia medica, nè chirurgica, nè protesica. Si possono risolvere chirurgicamente nel caso di tumori del nervo acustico e con gli impianti cocleari, nel caso di sordità totali.

    < Trasmissiva

DOVE SIAMO

  • Audifon – Tecnologie per l’udito
  • via G. Capruzzi 22/24 - 70126 Bari

  • P.I. 02938480726
  • Privacy Policy - Cookies

CONTATTI

Sviluppo: Treebe Web Agency - Design: FF3300

DOVE SIAMO

  • Audifon – Tecnologie per l’udito
  • via G. Capruzzi 22/24 - 70126 Bari

  • P.I. 02938480726
  • Privacy Policy - Cookies

CONTATTI

Sviluppo: Treebe Web Agency - Design: FF3300